CARATTERE ed ATTITUDINI
(di Jane Moore e Domenico Tricomi)

 

 

Chi non conosce questo cane all’inizio è attratto essenzialmente dalle sue forme, dal colore e dall’eleganza che sono caratteristiche proprie di questa razza… e solo POI chiede quale carattere lo contraddistingue.
Non è facile descrivere i comportamenti del Cirneco in quanto in tutte le razze, ma particolarmente in questa, grandissima importanza riveste il tipo di crescita che ha vissuto dal momento della nascita fino al momento dell’adozione.
La letteratura lo descrive come un cane sospettoso e diffidente verso gli estranei, ma che instaura un rapporto forte e quasi morboso con il padrone.
Tale nomea nasce soprattutto dal fatto che il Cirneco raramente varca i confini della Sicilia e quasi la totalità della sua popolazione è custodita dai cacciatori dell’Isola; nella cultura di questa terra il Cirneco è stato sempre oggetto di gelosie e di rivalità, tanto che l’atteggiamento comune è stato sempre quello di tenerlo "nascosto" soprattutto per la paura che potesse essere oggetto di furto.......
........Il Cirneco che è stato sottoposto ad una crescita socialmente corretta mostra un carattere gioioso, allegro, affettuoso e disponibile anche verso le persone che non conosce.
Rispetto alla crescita si possono distinguere due periodi contrapposti, dove il carattere che contraddistingue i suoi comportamenti è completamente diverso: l’infanzia con l’adolescenza e dopo l’anno, con la maturità.
Il primo periodo ci mostra un cane molto vivace e curioso verso tutto ciò che lo circonda, con l’esigenza di muoversi libero per scaricare la sua energia; un "gianburrasca" birichino e prepotente, tanto che noi consigliamo di impegnarlo, quando possibile, con giochi intelligenti con i quali possa, insieme al padrone, esercitare il corpo e la mente. Ma questo non basta per assicurare un temperamento equilibrato "a prova di bomba"; il nuovo proprietario, come nella maggior parte delle razze canine, deve fare uno sforzo particolare per consolidare il lavoro iniziato dall’allevatore al fine di superare il momento di "ribellione" dell’età adolescenziale.
Non è questa un razza adatta a chi non ha voglia di impegnarsi nel seguire la sua educazione, che va fatta con metodo strettamente dolce, ma con fermezza; quando sembra che si sia dimenticato tutto quello che gli è stato insegnato e non risponde più al richiamo bisogna continuare, per esempio con una corda lunga. L’impegno di pochi mesi sarà ripagato con tanti anni di equilibrio, ubbidienza e disponibilità collaborativa.

Dopo l’anno il nostro Cirneco, maturando, mostra un carattere completamente diverso; si rivela tanto disponibile quanto paziente ad accettare le necessità familiari, adattandosi alle realtà più disparate: e rimane sempre un cane molto affettuoso, con un attaccamento profondo verso la sua famiglia.
Da adulto necessita di essere portato, di tanto in tanto, libero per i campi o per i boschi; non dobbiamo dimenticare che si tratta sempre di un cane da caccia!
Se non viene utilizzato nell’attività venatoria bisogna dargli la possibilità di liberare il suo forte istinto che si manifesta, in assenza di conigli, nella ricerca di piccoli animali come lucertole, talpe o ricci. Ricerca che esercita sempre con grande impegno!
Il Cirneco è un cane molto longevo e anche se mostra un aspetto esile e gracile nasconde una enorme forza interiore che raramente lo vede esposto a malattie.