TESTIMONIANZE

 

      Robin e Lupen di F.Musumeci

 

Si ti trasi n'Cirnieco no cori
iddu nun ti pò chiu lassari
e quannu mischinu ti mori
n'autru ni voi truvari

è n'canuzzu che pari abbulari
ca ti ioca e ti voli abbaciari
cu du occhi ca ti fanu arricriari
e d'aricchi ca fanu 'mpazziri

na sta terra ca u duvissi amari
iddu veni trattatu che peri
ci su mostri ca nun sanu campari
e u trattunu comu si fussi di ittari

 ma cinn'è ca u sannu rispittari
e fanu di tutto pi putillu savvari
iu u sacciu comu iddu ti sapi amari
e senza Cirneco nun ci sacciu stari.

 

 

 

      

MIA della Dott.ssa Sara Sechi

 

 Ero piccola e indifesa e tu mi hai abbandonata, ora sono grande e fiera, amata, ho una casa e sono un cane da assistenza, faccio parte dell equipe degli Interventi Assistiti con gli Animali del Dipartimento di Medicina veterinaria di Sassari con la mia mamma. Sono il primo cirneco brevettato come cane antiveleno: io cerco le esche avvelenate segnalandole,in modo che le zone battute siano più sicure. Porto con orgoglio questa pettorina per tutti i cani del gruppo che hanno già trovato una famiglia e per tutti quelli che ancora devono trovarla. Tutto questo ho potuto farlo grazie a mia zia Marilena Ortolani e alla mia prima mamma Katiuscia Filangeri:  mai smettere di sognare!

 

     

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Lola di Katiuscia Filangeri

 

 

 

Amore allo stato puro... questo è un cane. L'incontro con i loro occhi è magico. L'incontro con quelli di Lola è stato fatale. Era una cucciola piccola e denutrita, stava dentro ad una mano e ... puzzava di rifiuti. Impaurita e sofferente ha mostrato subito la sua delicatezza, la sua pazienza e, poco dopo, la sua gratitudine. Rimessasi in sesto ha espresso la sua natura di cane primitivo: sapeva bene ciò che voleva e, spesso, se lo prendeva anche... a tutti i costi. Ne abbiamo fatta di strada io e Lei, abbiamo attraversato periodi bui ma sempre stracolmi di dolcezza. Ho creduto in lei e, forse, lei ha creduto in me... adesso siamo un corpo e un'anima. Ci intendiamo con lo sguardo e riesce a cogliere ogni piccola sfumatura del mio umore. Quando la guardo dormire abbandonata e libera da una vita di stenti che avrebbe potuto avere se fosse sopravvissuta all'autocompattatore ... mi si riempie il cuore e mi dico: che fortuna averti incontrata. L'amore per un cane è per molti inconcepibile, l'amore per i miei animali mi rende viva e felice. Auguro a chiunque si sia smarrito di avere la fortuna d'incontrare gli occhi di un cane ... sarà la sua salvezza.

 

Herry di Erika Gottardi

 

Dolce bambino,

ti chiamo così perché per me sei come un bambino, sei il mio piccolo grande Amore senza il quale oggi nulla sarebbe più come prima... La tua è una storia di dolore e morte come ce ne sono tante. Troppe. Talmente tante che quasi quasi non fa più notizia. Sei stato raccolto dell'immondizia insieme ai tuoi fratellini. Si proprio così, dell'immondizia, in un sacchetto chiuso. Come un qualsiasi rifiuto, peggio di un qualsiasi oggetto. Mi dispiace tanto dirtelo perché alcune volte spero tanto che non conservi il ricordo di quei momenti ma, aimè, per quanto piccolo potessi essere, queste ferite rimangono incise nell'anima. Eri buttato li con altri 5 piccoli fratellini. Sono morti in tre. Tu no ringraziando Dio. Tu ed altre due anime avete lottato per vivere e ce l'avete fatta! Poi un angelo vi ha trovati, vi ha tirati fuori, vi ha nutrito, scaldato e curato. Noi Mamme siamo così. La tua prima Mamma ti ha salvato la vita e le dobbiamo la nostra attuale felicità. Insieme a lei un esercito di angeli vi ha aiutato a trovare la felicità ... Poi arrivo io, in un giorno come tanti, mentre stringevo al petto l'altra mia bambina, Evita, l'altro pezzo di cuore, l'altra fonte di gioia, ti vedo per caso, mentre gironzolavo in cerca di foto di piccoli amori insieme al mio nipotino. Sai, tra il vederti e l'amarti non è passato molto tempo. Pochi minuti in realtà. Tra il vederti e decidere di volerti amare per sempre, è passato ancora meno tempo. Gli angeli che ti hanno salvato la vita mi hanno aiutata ad abbracciarti il prima possibile, ma il mio cuore era già tuo ed ogni secondo in più era un eternità. Non sarò mai sufficientemente grata ai tuoi angeli ... Sai piccolo mio, tante persone dicono che per essere vere Mamme bisogna che ci sia un legame di sangue ... figuriamoci cosa si può pensare di qualcuno che afferma di avere un bambino quando parla del suo cagnolino. Sai piccolo mio, io penso solo una cosa: che per essere Mamme bisogna sentire dentro l'Amore sterminato ed incondizionato verso il proprio piccolo. Ed io è questo quello che sento per te e la tua sorellina acquisita. Sai piccolo mio, io penso che se noi ci amiamo tanto tanto, siamo una famiglia e questo non ce lo toglie nessuno. Io sono parte della tua famiglia e tu della mia. Le Mamme hanno il compito più difficile al mondo: devono insegnare accompagnando e facendo comprendere ... Ecco, io forse piccolo mio non sono tanto brava ad insegnarti le cose considerate necessarie. So solo una cosa però: che posso insegnarti che la vita non è fatta solo di bidoni dell'immondizia e odore di morte ma anche di Amore, comprensione e condivisione. Di sguardi che dicono più di mille parole e silenziosi lunghi abbracci che valgono più di tanti veloci gesti di circostanza come accade tra noi "umani". Una Mamma impara anche dai suoi piccoli però. E io da te e dalla tua sorellina acquisita ho imparato la cosa forse più importante della vita: l'Amore assoluto esiste. Ed è quello che noi ci diamo ogni giorno ... Ti abbraccio piccolo mio. Erika

 

Nubia e Icaro
Nubia e Icaro

NUBIA e ICARO di Marilena Ortolani

 

L’idea di adottare un CANE non è arrivata all’improvviso o dettata da uno sporadico slancio di generosità: sono cresciuta con questi splendidi amici, tanto che ricordo la mia infanzia “affollata” da bastardini, ed ho voluto che anche i miei bambini sin da piccolissimi avessero la possibilità di crescere sviluppando sensibilità e rispetto per gli animali.

Pochi dei miei CANI mi furono regalati perché la maggior parte li raccoglievo dalla strada dove venivano spessissimo abbandonati.

A casa mia ora ci sono 4 bambini: 2 figli miei e di mio marito, 2 cirnechi dell’etna presi in adozione nell’estate del 2010, nati a casa dalla grande Claudia, la “signora dei cirnechi” come la chiamo io, che ha i genitori dei miei cuccioli ed un amore smisurato per questa razza (grazie mille cara Claudia!).

I cirnechi sono CANI generosi, leali, intraprendenti e tanto vivaci: ci chiedono qualsiasi cosa e cercano di comunicare con noi saltellando! Sono fantastici anche con i bambini ed hanno l’istinto della caccia nel DNA. Da qualche mese i miei hanno iniziato ad essere predisposti anche alla guardia della casa, il ché non guasta affatto, visto che io a caccia non vado! Sono però anche CANI particolari ed impegnativi: hanno bisogno di tanto spazio all'aperto, perciò se non si possiede un ampio giardino si dovrà avere il tempo per portarli a fare lunghe passeggiate e corse; sono orgogliosi ed indipendenti, perciò non si sottometteranno all'uomo con i rimproveri.

Amici che state pensando di adottare un CANE (spero che la vostra scelta sarà un cirneco dell'Etna!), siate però consapevoli che se lui è già adulto forse avrà dei comportamenti che magari non riuscirete a capire…non gli sarà facile fidarsi di nuovo dell’uomo che lo ha abbandonato o peggio ancora maltrattato; se è cucciolo combinerà innumerevoli disastri e rosicchierà tutto ciò che avrà a portate di denti!

Mettete anche in conto che un CANE ha tante esigenze: non bisognerà pensare solo a nutrirlo, ma vaccinarlo, sverminarlo, difenderlo da malattie, sottoporlo a regolari visite veterinarie, curarlo con amore anche quando invecchierà, e soprattutto riempirlo di coccole, perché è di questo che hanno tanto bisogno!

Non voglio scoraggiarvi, cari amici, ma credo sia meglio essere ben preparati e conoscere i sacrifici che dovrete affrontare per loro, piuttosto che riportare indietro il peloso (un ennesimo abbandono sarebbe veramente troppo da sopportare per lui!).

Se siete genitori pensate al vostro futuro compagno un po’ come ai vostri figli, consapevoli però che, a differenza loro, non cresceranno mai e dipenderanno sempre più da voi!.

Ma se siete genitori, credetemi, avere altro “piccoletto” vi darà tantissime soddisfazioni e vi riempirà la vita di tanto amore, un po’ come i vostri figli!

P.S: ho scritto CANE a caratteri maiuscoli per il grande rispetto che questi animali meritano! Marilena

 

 

Ubi di Claudia Grano

 

Il pensiero di Ubi il cirneco.
Come ti conquisto l'umano.
Facendo niente.
Nell'esatto momento in cui poseranno gli occhi su voi cirnechi, il cervello umano comincerà ad elaborare immagini di deserti assolati, pittogrammi egizi, eleganti sovrani di profilo accompagnati da regali quattrozampe accucciati ai loro piedi, calzati da sandali incrostati di pietre preziose, e se dalla loro bocca uscirà anche un "ma è il cane dei Faraoni?" il più è fatto. 
Metteteci poi che il vostro colore è elegantemente tone sur tone, il manto nocciola, il naso color rosa antico e gli occhi d'oro e si vedranno già passeggiare in centro strappando degli "ohhh e ahhh" di invidiosa meraviglia da parte degli astanti.
Non sanno, loro, che invece delle scarpe cittadine, gli toccherà procurarsi un paio di stivaloni di gomma per corrervi inutilmente dietro nei campi. Non sanno nemmeno che ci rotoliamo sulle peggio puzze che neanche un intero pacco di salviette umidificate riuscirebbe nell'intento di renderci perlomeno avvicinabili. Non sanno loro che siamo maramaldi fino all'ultimo pelo, ci toccano, sentono quel manto di seta tiepida e la mano resta lì, incollata come per magia.
Non serve fare niente per conquistare questi umani farlocchi, basta esistere.

 

ICARO di Laura Mozzi

 

Scrivo per me, per coloro che leggeranno dopo aver adottato un cirneco rescue, per tutti coloro che potranno dibattersi tra le difficoltà della conoscenza, per coloro che ci stanno pensando e per coloro che esitano.

Vorrei dire loro di non temere. Scrivo perché questa è una dichiarazione d'amore tutta per lui, per il mio Icaro.
Non è stato facile, all'inizio, per niente!
Mi sono scontrata con quello sguardo diffidente, irritante, scontroso. Ho avuto momenti di sconforto, lo confesso, fino alle lacrime. Non sapevo, non capivo non riuscivo a trovare un modo per farmi strada dentro quegli occhi dorati, a tratti persino ottusi. Sono stati mesi difficili, in cui ho temuto di non potercela fare, di non essere all'altezza, ma il tempo, come si dice,è stato medico, per me e per lui.
Così ogni giorno un piccolo passo, un pezzettino di terra di conquista dentro un cuore spaventato.
Allora ho visto cosa può essere il suo sguardo rotondo, che cerca e che aspetta, il suo pelo morbido sotto le dita che accarezzi, il suo sommesso abbaiare sonnambulo nella notte. Ho capito che oltre ogni buonsenso e ogni convenzione non si può che amare ed attendere di essere amati. E' un anno e mezzo e così scrivo, al ritorno da una vacanza, la seconda con lui, perché non posso che essere commossa per quello che è diventato, per la pazienza e l'equilibrio che ha dimostrato e per le conquiste a cui ogni giorno ho assistito. Ha attirato sguardi carichi di ammirazione, da lontano i mormorii giungevo fino a me ad accarezzare il mio orgoglio mentre lui, preso e compreso nella sua dignità attendeva fiducioso.
Ha dimostrato cosa può l'amore che si fa strada nella fiducia.
Ogni cuore cirneco (e anche no) non si può che amare con tutta tenerezza che ci è stata data per avere in cambio tutta la devozione  in uno sguardo. Laura

AGATA di Mariachiara

 

Ormai è un mese che Agata è qui con noi.
Eravamo un po' in pensiero. Un cane adulto, abituato a stare con altre persone, in un'altra situazione, lontano da qui, non sapevamo quanto tempo ci avremmo messo per farci riconoscere.
E invece siamo andati d'accordo da subito, io e Pier siamo diventati i suoi punti di riferimento in pochi giorni.
Dopo un mese abbiamo già consolidato la nostra routine e stiamo bene. Oggi Pier mi ha detto che tornare a casa e vederla fargli le feste è una gioia che migliora la giornata e sono d'accordo anche io. E così tante altre piccole cose che lei fa spontaneamente e per noi sono sempre fonte di meraviglia. Come è possibile che ci ami già così tanto? Poi ci guardiamo e ci diciamo che per noi è la stessa cosa, non riusciamo più a immaginarci un giorno senza di lei.

MORGAN di Maria Morittu

 

" È in un giorno qualunque che accadono cose meravigliose.... Quel giorno vidi sullo schermo del cellulare la tua foto, un musetto con gli occhi chiusi sembravi veramente un "sorcetto"! È stato quel giorno che una vocina mi diceva: " È lui, è lui!" Sensazioni che il cervello, parte razionale, voleva accantonare; troppi problemi...il tempo, la casa, le gatte (abbiamo 2 gatte). Ma il cuore nulla... continuava ad insistere, ormai si era innamorato e dopo un mese e mezzo vinse! Sono 20 giorni ormai che ti abbiamo qui con noi ci hai rivoluzionato la vita ma senza di te non sarebbe più la stessa cosa. Ora c'è la curiosità del percorso che ci aspetta insieme, non senza ostacoli ma comunque con tanto amore."

 

 

     

TITINA di Elena Aureli

  A distanza di 6 mesi ... mi tornano in mente le parole di Beatrice Rigolio: questi cani sono eterni bambini! È vero Beatrice,hanno l'innocenza e la scaltrezza dei bambini. Sono angeli dispettosi ma pur sempre creature fuori dal mondo. Buffe, testarde, a volte scoordinate nei movimenti, dispettose, simpatiche, eleganti e stravaganti nello stesso tempo, ma diverse ... creature così diverse che, se le guardi negli occhi, ti perdi in un mare di dolcezza e amore! Ecco loro sono l'emblema di ciò che noi perdiamo ogni giorno un po'...l'essere bambino! Sono semplicemente meravigliosi!!!  Titina dopo questa dichiarazione ...smetti di rubare le palle dalla scatola degli addobbi natalizi, lascia stare i fili luminosi e vedi di fare bella figura.... teppista...anche i cuscini please....

 

Ginevra Cuore di Viviana Siviero

 

Il 1 dell'anno ero su questa spiaggia. Il giorno prima Circe mi aveva lasciato portandosi via per sempre un po del mio cuore. Nel cercare un po di pace ti vidi. Eri una foto dentro questo stesso telefono. Ora sei con noi da 9 mesi. Vera. Serena. Felice spero. Non so se siamo genitori perfetti. Vorrei portarti di più spesso in passeggiata... poterti lasciar libera... farti più coccole. Ma vorrei che tu sapessi che faccio del mio meglio...che mai più sarai sola. Oggi intanto godiamoci il sole i 24 gradi il rumore del mare, il tepore della sabbia, le carezze....io e te sole... e no, non puoi mangiare quel piccione perchè la tua mamma ama anche lui....

 

 

MILO di Emanuela Cortinovis

 

Ciao, mi chiamo Milo, sono un cirneco di Adrano un paese della Sicilia.. ho solo 1 anno e mezzo o forse 2 non ne sono certo perché sono stato portato in canile e lì ci sono rimasto per 1 lungo anno.. poi quando la monotonia delle cupe giornate in canile aveva preso il sopravvento è arrivato il mio angelo custode Simona. Ho capito subito che era una persona speciale! E con l'aiuto di Marilena mi hanno pubblicato nel gruppo cirneco dell'etna adozioni e finalmente la mia mamma mi ha visto e si è subito innamorata di me.. dopo circa 1 mese ho preso l'aereo e sono arrivato a Milano dove ad aspettarmi c'erano la mia mamma e il mio papà.. ero molto spaventato avevo fame e non sapevo dove mi trovavo ma i miei genitori mi hanno fatto subito uscire dal trasportino e mi  salire in macchina.. ho fatto un

viaggio in macchina fino a Bergamo in braccio alla mamma perché tremavo poi mi hanno coccolato e mi sono addormentato... ero stanchissimo.. quando sono arrivato a casa ho trovato ad aspettarmi la mia nuova sorellina Shazda della quale mi sono perdutamente innamorato... ora sono felice dormo su un comodo divano o sopra un cuscinotto o nel lettone mangio tanto infatti sto prendendo peso, gioco con Shazda e faccio lunghe passeggiate in compagnia.Ho imparato anche a correre nei prati e mi diverto tantissimo.. Sto imparando come ci si comporta in una famiglia e sono molto amato e do sempre a tutti tanti bacini perché voglio essere coccolato..mi piace la mia nuova vita e spero che tanti altri amici come me abbiano la fortuna di trovare una famiglia da amare ed essere amati... Milo

 

SHY di Giada

  

Cara Shy,

sono 4 mesi che ci conosciamo. Sembra tu sia qui da sempre!

Tutto ha inizio in Dicembre 2015: dopo 26 anni di dura lotta per ottenere il benestare dei miei genitori, ci siamo.. hanno detto si!

Ebbi così un’ illuminazione! dovevo assolutamente ritrovare la razza di quel cane così bello visto un giorno come tanti al parco Forlanini.

Era un magnifico Cirneco dell’Etna, adottato dalla Sicilia! La signora, con il quale scambio due chiacchiere, mi racconta che la situazione in quelle zone è drammatica: tantissimi Cirnechi, le volontarie sono disperate e non sanno più come garantire a tutti un sostegno.. le istituzioni, spesso, sono assenti.Volevo dare una mano lì.

Shy, così, un giorno di dicembre, scoprii le zie.. la loro pagina rescue, ed il gruppo di magnifiche persone che condividono la loro esperienza, anche dopo l’adozione, per un senso di unità che, ti garantisco, non ho faticato a trovare in prima persona in poco tempo.. come fossimo una grande famiglia!

Passano circa due settimane e WOOOOOOOW a mezzanotte circa appari tu! 60 giorni di vita, appena ritrovata con 4 fratellini e la mamma: alle 3 della stessa notte avevo già inviato i moduli di adozione………..e stressato 4 volontarie!!!

Beh Shy, colloquio pre adozione con Carla (una folle sagoma più unica che rara) passato a pieni voti, e, perché no, faccio da madrina di volo!

Parto emozionantissima per Palermo, incontro signori e signore nientepopòdimenoche Katiuscia, la presidentessa in persona, che, fra chiacchiere spontanee e recupero canuzzi a destra e sinistra,  mi garantisce un veloce tour fra le ricchezze di una città che ama e odia. Arriviamo da Giulia.. tiene una fagiolina mix del color del cioccolato fra le braccia.. SEI TUUUUUU.. cuore in gola! Non capisco più niente!

Ho cominciato ad amarti dal primo istante e, stanne certa, ti amerò per sempre!

Da quel giorno è tutto diverso! Mi hai arricchito la vita! Sei diventata la mia assoluta priorità!

Amo i momenti di coccola ed amo la tua follia.

Amo giocare con te, portarti nei campi.. in cui la tua forza esplosiva in corsa fa capolino..

Amo portarti fra tuoi simili.. perché ogni giorni di più ti riveli un cane ponderato ed intelligente.. oltre che una vera e propria giullare di corte con i tuoi amici più stretti!!

Amo vederti fare la lotta con Kimbo, il tuo amato fratellone acquisito, schiavo della tua personalità!

Amo portarti dai tuoi fratelli.. perché, ebbene si Shy, hai due zii meravigliosi, a 5 km da casa, che hanno scelto di adottare proprio loro.. e non uno, due! perché potevano garantire a Grey la stessa casa che avevano già dato a Miele.. che grandi persone Rosy e Fiore!!

Avrei così tante cose da dire.. ma concludo augurandomi che chiunque stia leggendo queste nostre esperienze, con l’intenzione di adottare un peloso, possa provare presto quel colpo di fulmine che ti alza dalla sedia.. tutti i successivi step..  e l’inizio di una vita insieme.. non c’è nulla di più prezioso di questi ultimi 4 mesi..

Grazie di cuore davvero a tutte le volontarie che lo hanno reso possibile.. dalla prima all’ultima.

Giada e Shy 

 

 

MOROSITA (tartufo a caramella) di 

Sara Mazzone

 

Morosita... È bastata una foto, due occhietti neri e un musetto sorridente. Come a dire "eccomi, mi avete trovata!" Certe anime sono fatte per incontrarsi, e così è stato. Grazie all'associazione nel giro di pochi giorni sei arrivata a Torino, piccola piccola ma senza paura. Hai creato subito uno splendido legame con la nostra prima cagnolina Corinna e nel giro di qualche giorno hai rivelato il tuo splendido carattere, allegro e birbante... Ogni giorno combini qualche pasticcio, ma ti si perdona tutto perché sei un folletto troppo buffo ed è impossibile arrabbiarsi con te! Sei con noi da soli quattro mesi, ma ormai la vita senza di te non è più concepibile, ogni esperienza è nuova perché adesso ci sei anche tu! Ti amiamo tantissimo minuscolina, non potrò mai ringraziare abbastanza l'associazione per lo splendido regalo che ci hanno fatto, salvando la tua vita e anche la nostra!!! Sara e Roberto

 

NUBIA addio! di Rossella Bertolasi

 

Oggi sei volata in cielo, hai lasciato un vuoto nel cuore immenso, chiudo gli occhi e ho dei flashback di te, dei momenti passati insieme, delle mille passeggiate, dei mille strattoni che mi davi per cercare invano di prendere le lucertole! dei mille sorrisi che mi facevi fare, della dolcezza infinita che avevi. Mi hai conquistata, nonostante tutto, appena ti ho vista mi stavi antipatica ma hai saputo invadere il mio cuore è conquistarlo con la tua dolcezza. Troppo presto ci hai lasciati.. grazie Nubia, grazie per la tua dolcezza, per la gioia e la forza che avevi, mi hai insegnato tanto. Mi mancherà abbracciarti, baciarti di continuo lasciandoti il segno del rossetto; ora non potrò lasciartelo più, un giorno ci rincontreremo paperona mia, ora ci guarderai da lassù, potrai mangiare tutto quello che vorrai perché niente ora ti farà male. Il mio è un arrivederci cuore mio 

 

 

 

 

   

EVA (ERACLEA)

 di Carla Manci

  

Il destino cambia molto le nostre aspettative. Per cui, poter curare la rickettziosi e abbassare i valori positivi alla leishmaniosi di Eva, è una passeggiata! Purtroppo la nostra diva si è innamorata di me. Alla fine, ho dovuto cedere alle sue pretese. Lei ha voluto me, dal primo momento. Forse perché, da sempre, l’ho amata da morire.

 

Ci siamo addomesticate a vicenda. Ecco.

Immagino questo sia un lieto fine. O meglio, un lieto inizio. Infinitamente ringraziamo tutte le mamme a distanza che ci hanno supportate nel tempo. Personalmente ringrazio chi ha tenuto e terrà una rete sotto il mio cuore. Tutto il resto, è vita.

 

 

 

 ZAR di Samantha Brunelli

 

Lui è Zar, un cirnechino di quasi 9 mesi. Zar fortunatamente non conosce la malvagità dell'uomomo, è semplicemente nato in una cucciolata un po affollata: 8 fratellini da far adottare velocemente nati da una gravidanza inaspettata. Fortunatamente tutti hanno trovato una mamma ed un papà e lui è entrato a far parte della mia vita per una serie di coincidenze che mi hanno fatto pensare che niente succede x niente...poco dopo tempo arrivato lui, facendo dei controlli di salute mi hanno riscontrato delle problematiche abbastanza serie per cui sarei dovuta essere stata operata; purtroppo questa operazione mi ha precluso la possibilità di avere figli e dopo aver perso già una figlia non l'ho presa proprio benissimo....nel frattempo nella mia vita è successo di ogni, ma lui è stato ed è la mia forza, il mio antidepressivo, la mia dose di fiducia; è lui che mi ha insegnato che le cose accadono e basta! Alle volte inutile perdersi nei meandri delle domande o dei perchè, lui va comunque avanti! Se non capisce una situazione osserva, ci pensa e se non riesce a risolvere o le cose non vanno come vorrebbe, lui annusa un attimo, ci fa pipì sopra e passa oltre...

Ed ora viviamo io e lui da soli, ma con tanti amici che sono diventati tutti zii e zie per Zar.

Io sono fortunata ad avere lui. Samantha

 

ICARO 

di Laura Mozzi

 

È passato un anno. Eccolo qui con la sua aria da sbruffone. In questo anno mi ha fatto arrabbiare, a volte l'avrei strangolato. Arrogante, ringhiottoso, malmostoso, tenero, buffo, divertente e all'occorrenza anche gran ballerino. Oggi io e lui sappiamo chi siamo e ci possiamo amare. 
E grazie a voi per averlo messo sulla mia strada.

 

Laura

 

 

 

RUDY di Milena Farina

 

Esattamente un anno Fa!!
nevicava moltissimo stavo spalando la neve mi arriva un messaggio su whatsapp e penso ...chi sarà ...cavolo sto lavorando !!! Ma la curiosità è femmina, non resisto e guardo: AMORE A PRIMA VISTA 
e poi un altra ....ero in estasi la chiamo subito, mi informo dalla mia amica che me ha inoltrate e mi disse che era in ADOZIONE.
Penso che meraviglia parlo con il mio compagno ..è poi. ?.scopro che dovevo iscrivermi a Facebook oddio !! Ho sempre detto che non lo avrei mai fatto! Infatti ... 2 giorni a riflettere poi mi convinco
Contatto Marilena Ortolani compilo il modulo e penso: tanto non ne lo daranno mai....e invece eccolo qua!
NON SMETTERO' MAI DI RINGRAZIARE ROSSELLA TRAVIA CHE LO HA ACCUDITO CON TANTO AMORE, MARILENA ORTOLANI E KATIUSCIA FILANGERI PER AVERMI SCELTO! Milena

GEB di Giampaolo Golluscio

 

Tutto è cominciato anni fa per caso, dove ho visto per la prima volta dal vivo un Cirneco. Sono rimasto affascinato subito dalla bellezza di quel portamento e da quegli occhi.     
E' passato un bel po di tempo da quel giorno e alla fine ho deciso di regalarmi un amico e nello specifico proprio un cirneco volevo. Era stato amore a prima vista e per anni l'ho coltivato dentro accennando sempre al fatto che se avessi deciso di riprendermi un cane era quello che avrei voluto.
Mi sono impuntato! Testa dura la mia quando mi ci metto.
Così mi butto a cercare su internet visto che non sapevo a chi rivolgermi e surfando da un link all'altro sono capitato sul sito "Cirneco dell'etna Adozioni".
Non ci potevo e non ci volevo credere... animali magnifici buttati via! Inconcepibile! Ingiustificabile!
E per non volerci credere ho cominciato a fare una ricerca nello specifico e man mano che leggevo mi si formava un buco in pancia.

Poi il contatto con le persone dietro a questo salvagente nel mare.
La disponibilità e quel calore sincero di gente vera che fa col cuore e basta. Marilena, Katiuscia, Rosanna e Sara sono la porta per entrare in un contesto nuovo ed inaspettato che mi spiazza.

Arriva un messaggio: " sei ancora interessato ad un cirnecuzzo? ne abbiamo trovati tre, li aveva un cacciatore e li teneva in condizioni pietose, una nostra volontaria è riuscita a portaglieli via dopo una bella lite per qualche soldo..." 
Si! Certo che si!

Poi l'11 giugno 2014: arriva a Milano assieme alla sorella Etna ed al fratello Ramses. 
Per gentilezza la mamma ed il papà di Etna mi vengono incontro e in un autogrill a Brescia lo vedo scendere dall'auto.
La primissima cosa che ho pensato, mentre c'è il primo scambio con gli occhi dove lui era frastornato quanto me dal caldo e dal viaggio, è stata, è bellissimo!
Tutto curvato scodinzolava, annusava e cercava il contatto. si muoveva sinuoso, timido e curioso.
Inutile negare che una sorta di nodo in gola mi si è sciolto e qualche lacrimuccia si è tenuta ben nascosta dietro gli occhiali da sole.

Da qui in poi comincia l'avventura.
Le prime passeggiate furono quelle che mi fecero riflettere amaro, ad ogni muro o cancellata cercava di scavalcare o infilarsi in mezzo per scappare, nella sua testa ancora il trauma della segregazione.
Poi i sonni sempre movimentati con risvegli improvvisi sono divenuti sonni di piombo con espressioni da bambino.
Le prime uscite in mezzo al verde sguinzagliato dove manifestava i primi accenni di tutta la sua potenza esplosiva che col passare dei giorni, come molti sanno è diventata "atomica"!
E intanto tra danni, tanti, risa, moltissime e quotidiane incazzature, non poche, è cresciuto. Da Gebbino a Gebbone bello!
E ora, ogni giorno, accarezzandolo quando mi si fionda addosso con puntualità svizzera convinto ancora di pesare come un gattino, o mi vuole stare con le zampe sul petto ed il sedere in faccia, o in braccio quando mi siedo, o col muso nel piatto appena mi giro, penso che il fortunato tra i due sia io.
.
So bene che chi ha un cane capirà quello che provo, ma so anche che solo chi ha un cirneco capirà anche tutto quello che non ho scritto.

Amato,viziato, stracoccolato, spupazzato, bello, testado, duro, sbruffone, delicato, attaccabrighe, fifone, arcigno, dolce, fedelissimo, presente, scassapalle, simpatico, dispettoso, scansafatiche,  inesauribile, sfottente, forte, velocissimo, serio, incazzoso, offendino, unico, amico…GEB

 

LAIKA di Cinzia Zorzan

 

7 novembre 2014: oggi è un mese che stiamo insieme! Già da quando ho visto la prima foto che mi ha mandato Marilena sono stata rapita dalla dolcezza dei tuoi occhi, quando poi ho potuto accarezzarti si è stretto un legame che mi riempie di gioia ogni momento che siamo vicine. Quando ti osservo non posso non chiedermi come qualcuno abbia potuto non volerti bene. Sei adorabile, attenta, affettuosa, a volte un pò cocciuta ma ciò dimostra il tuo carattere di creatura intelligente. Quando ti accarezzo non riesco a smettere: sei morbida e mi piacciono le morbide pieghette che hai nel collo o che si formano sulla testa quando raddrizzi le orecchie. Mi piace quando per farmi le feste ti alzi con le "manine" aperte o fai le corsette piene di entusiasmo. Siamo tutti,  a due e quattro zampe, tutti felici di averti con noi…Laika ti vogliamo bene!

 

 

  

ETNA di Fabiana Fierotti

 

http://www.inseparabili.friskies.it/it/stefano-e-etna-adozione-cane-gioia

(per vedere anche la testimonianza di papà Stefano)

 

Non ricordo bene come io sia venuta a conoscenza dell’esistenza del Cirneco, se scavo nella memoria credo di aver visto un’immagine su internet e di essere corsa a documentarmi. L’empatia è stata immediata, forse per le comuni origini sicule, ma più ancora perché non avevo mai visto un cane con delle caratteristiche così diverse da quelle che tutti ricerchiamo in un animale da compagnia. Il Cirneco è molto, molto di più. Ha un carattere, forte e pieno di dignità, fierezza. Ma questo viene dopo il nostro incontro con Etna. Essendo da sempre contraria alla compravendita degli animali e consapevole che una delle piaghe più grandi nella mia bella Sicilia è proprio l’abbandono oltre la barbarie assoluta con cui i cani vengono trattati specialmente dai cacciatori, mi sono imbattuta in una splendida Associazione. Cirneco dell’Etna Adozioni ha coinvolto me e mio marito Stefano da subito. A circa due settimane dall’iscrizione, Marilena, che gestisce il gruppo insieme ad altre volontarie, aveva appena postato un video di 3 cuccioli meravigliosi, salvati per un pelo da morte certa. Non ci ho pensato due volte. “Sarei disponibile a prendere la femmina”. Questa è stata la frase che ha cambiato completamente la nostra piccola famiglia, che oggi oltre me e Stefano, conta anche la piccola Etna, un Cirneco meraviglioso, intelligente, con un caratterino niente male, ma soprattutto una dolcezza infinita che ha riempito le nostre vite. Dobbiamo certamente ringraziare Marilena Katiuscia e Rosanna per aver reso possibile tutto questo e per essere ogni giorno in prima linea nella salvaguardia dei nostri piccoli amici. Brave ragazze!

Sethi & Family
Sethi & Family

 

SETHI di Stefania Pesare

 

Questa fantastica avventura iniziò con una telefonata tra me e Marilena il 2 febbraio 2014: "Ma si..ma no...forse...preferirei una femmina...Valter non vuole...Billa sarà gelosissima...". A seguire riunione di famiglia ed opera collettiva per convincere Valter. Decisione presa: niente CIRNECO!!! Galeotta però fu una foto che Katiuscia pubblicò sulla sulla bacheca fb di Valter. Una sera in ospedale, finita la somministrazione della terapia, arrivò la decisione: Sethi sarà il quinto componente della ns famiglia! Non ci sono parole adatte per descrivere l'esplosione di gioia mista a confusione e pianto quando Marilena mi comunicò l'inaspettata notizia. L'arrivo del cucciolo presso l'aeroporto di Pisa (27/02/2014) fu un momento indimenticabile per tutti noi. Ora Sethi vive sulle alture di Genova, immerso nel verde con la sorellona Billa ed è un cane felicissimo e amato! Ringrazio di cuore tutte le amiche del gruppo che, con il loro prezioso aiuto, hanno realizzato il mio sogno: L'ADOZIONE DI SETHI. Con affetto e stima, Stefania

 

Elettra
Elettra

ELETTRA di Sonia Stefanelli

 

Meno male che ci sei tu....tu che non giudichi mai...che non te ne frega niente se sono bella o brutta, grassa o magra, etero o gay, buona o cattiva....tu che, anche se sono un pò scontrosa perchè ho avuto una pessima giornata, mi guardi sempre con quello sguardo pieno d'amore incondizionato e desiderosa di dare una leccatina al mio muso...probabilmente sei davvero l'unico essere vivente che mi ama per quello che sono e a prescindere da tutto....ho imparato più in tre mesi con te che in 40 anni di vita in questa galassia... Sonia

 

Rocco e Linda
Rocco e Linda

ROCCO di Gianna Calamai

 

Se io dovessi ringraziare chi mi ha fatto conoscere questa Razza così indescrivibile, dovrei ringraziare Viviana, che con la sua Circe fuori standard me ne ha fatto innamorare. E si, sono si dei frugoli fino a 3 anni, perciò preparatevi ad avere tanta pazienza, specialmente con i maschi, ma sapranno dare tante altre soddisfazioni, che non riesco nemmeno a raccontare...

Arguti, simpatici, giocosi, con tutte quelle pieghine e occhi da bambino. Vi affascineranno se solo ne vedrete uno!

Io chiamai un allevatore per sapere se aveva un cirneco che non poteva essere venduto, magari per qualche difetto; per l'appunto aveva Geb, un cirnechino monorchide, così in quattro e quattr'otto arrivò a casa mia e lì fu energia pura.

Io avevo un boxer e 2 grey che non erano molto disposti  giocare; ma il boxer Giove trovò un compagno degno della sua esuberanza: quanti giochi e buffonerie!

Cambiai il nome da Geb, che in fiorentino poteva diventare qualsiasi cosa, in ROCCO

Sono passati 4 anni ed ora Rocco è un signore. Successivamente ho cercato di adottare un'altra cirnechina. Dopo vari stalli (India, Camillo che sono stati entrambi adottati), è arrivato un angelo: LINDA

Io non posso che ringraziare questo gruppo per avermi dato questa frugola, e fare i complimenti per la loro serietà e competenza, nonostante i problemi siano tanti!

Forza ragazze,Forza Cirneco dell'Etna Adozioni!!! Non sapete il bene che fate, ed io vi ringrazio mille volte, per aver salvato in un solo anno almeno 35 cirnechi dai canili, per strada , anche messi malissimo...e siete riuscite a trovar loro una casa!

 

Un abbraccio, Gianna

 

Lizzy con Marianna
Lizzy con Marianna

 

LIZZY di Marianna Szathvary

La nostra storia insieme è iniziata ufficialmente il primo di dicembre, ma nella mia testa era con me da quella sera..la sera in cui ho visto la sua foto,anzi le sue foto,ho seriamente provato un brivido...ho fatto un salto sul divano e con me il mio cuore.. con quei suoi occhioni ,era messa maluccio ma quello che mi ha detto il suo sguardo non lo dimenticherò mai..era come se mi chiedesse disperatamente di aiutarla promettendomi che mi avrebbe aiutato...e cosi è stato. Mi sono messa in contatto con il gruppo Cirneco dell’Etna Adozioni la sera stessa; ricordo ancora che alle ore 23 ho compilato il questionario per portarla qui con me, per cercare di farle vivere il mio mondo e diventare parte del suo.. e oggi,dopo 3 mesi, tanti cuscini rosicchiati e quasi 6 chili di salute in più, posso dire che mi ha salvata..la verità è che non ho aiutato io lei..ma lei con la sua presenza costante, con la sua coda sempre in movimento e i suoi malanni mi ha preso il cuore! Non conoscevo i cirnechi prima, ma ringrazierò sempre le volontarie per avermi dato l'opportunità di condividere la mia vita con un animale del genere!! Marianna

 

Isis con Sonia
Isis con Sonia

 

AMON e ULISSE di 

E.Francalancia

 

Amon è arrivato a casa mia il 22 aprile 2010, anzi,si era affacciato circa 10 giorni prima con il suo musetto sullo schermo del mio computer da dove con quei suoi occhi dolci cercava una famiglia.

Era ridotto molto male,denutrito,disidratato e ferito.

Mi sono innamorata di lui appena l'ho visto, nonostante vedessi ogni giorno tanti cuccioli bisognosi, ma lui era destinato a me.

Il giorno del suo arrivo da Caltanissetta all'aeroporto di Pisa non lo scorderò mai, ero come una mamma in attesa piena di ansia e gioia.

Quando l'ho visto, un fiume di lacrime è uscito dai miei occhi ed ha contagiato anche tutti gli addetti allo scalo merci dell'aeroporto. Adesso Amon è un cane felice e sano ed è la gioia della mia vita.

Non conoscevo assolutamente i cirnechi, ma ora ho capito che sono proprio speciali.

Appena ebbi aperto la gabbietta all'aeroporto lui mi guardò negli occhi e capì subito che io sarei stata la sua mamma per sempre e da quell'istante mi ama incondizionatamente e ogni passo che faccio io uno ne fa lui. L'amore che lui mi da è assoluto e non ho bisogno di altro e lo stesso credo sia per lui.

Questi sono i Cirnechi, adorabili e magiche creature.

Dopo il commovente arrivo del mio Amon,a distanza di 3 anni è arrivato anche Ulisse,splendido cirneco di 1 anno in cerca di una famiglia. Adesso sono felicemente a quota 2 adozioni cirnechi,spero di fermarmi anche se sono splendidamente adorabili.  Elisabetta 

 

Nubia e Cristina
Nubia e Cristina

NUBIA di Cristina Baretton

Nubia, adottata da " Cirneco dell'Etna adozioni " a giugno 2013 ( uno scricciolo che pesava solo 2,9 kg) , con la sua guardia del corpo, Pablo. A quasi un anno dal suo arrivo in famiglia, e' sempre più bella, più dolce e anche più caparbia. Sono i nostri ragazzi pelosi.... Che amiamo follemente! Non finirò mai di ringraziare , con tutto il cuore, tutte le persone che ogni giorno lavorano per aiutare queste nobili creature. In particolare Marilena Ortolani, Katiuscia Filangeri e Patrizia Lucietto . Grazie! Grazie ! Grazie! Cristina 

 

Isis con Sonia
Isis con Sonia

 

HOPE ed ISIS di Barbara Inesi

Tutto iniziò un giorno verso i primi di novembre quando guardando quà e là su fb incappai in una splendida foto che immortalava il musetto di una piccola cirnechina che, assieme ad altre tre sorelline, erano state abbandonate davanti ad un rifugio a Palermo. Non ho saputo resistere e così ho chiesto subito informazioni e da li è partito il mio viaggio per cercare di adottare la cagnolina…più passava il tempo e più aumentava la mia frenesia e speranza, sentimento che ci legava entrambe, l'una per l'amore sfrenato per gli animali e l'altra per il desiderio di una vita felice con una famiglia. I giorni passano e iniziano contatti più frequenti con coloro che si stavano prodigando per Hope e le sue sorelle. Devo dire che ho avuto modo di conoscere persone meravigliose che si sono attivate in ogni maniera. Non sembra , ma per queste 4 sorelline si è movimento mezzo mondo, basti pensare che Marilena Ortolani e Katiuscia Filangieri avevano creato un gruppo per aiutare le sorelline e nel giro di pochi giorni avevano aderito centinaia di persone che, chi un modo chi in un altro, hanno dato il loro aiuto! Bene....tutto procede e sembra che anche una seconda sorellina Lizzy abbia trovato una mamma, così inizia l'attivazione per la staffetta Palermo-Pesaro per Hope e Palermo-Padova per Lizzy. A questo punto quando sembra quasi tutto pronto vengo a sapere che una terza sorellina, Isis farà il viaggio con loro , ma per lei non c' era ancora nessuna mamma e così, dato che con Hope sarei arrivata a soli 5 cani, mi sono detta: "ma come posso lasciare una sorellina abbandonata a sé stessa????"...e così chiamo Marilena e le dico: "Mari ho deciso!!! Adotto anche Isis". Mio Dio 6 cani, ma come potevo fare diversamente?  E così, prima con la madrina di volo Claudia Benedetti che da Palermo le ha accompagnate in aereo a Roma, poi staffetta dopo staffetta, con le amiche Patrizia Lucietto, Marta Cappellari, la sottoscritta e Marilena, km dopo km le sorelline sono arrivate al rifugio per cani Monti Azzurri di Tolentino (Mc) dove sono state curate dal Dott. Riccardo Benedetti e accudite da Ophelia; dopo una settimana hanno raggiunto le loro nuove famiglie. E’ stato un viaggio bellissimo pieno di emozioni, .....tutte persone meravigliose, umanamente speciali alle quali va ancora un mio immenso: GRAZIE DI CUORE......... Le cagnoline sono di una bellezza e dolcezza infinita. La mia vita è diventata ancora più frenetica ora con sei cani, ma di sicuro ancora più meravigliosa!!! Barbara

 

FOTOGALLERY